Le migliori giacche da sci uomo donna

Le migliori giacche da sci uomo donna: guida alla scelta

Dalle giacche traspiranti a “prova di bomba” alle calde e convenienti 3-in-1, analizziamo le migliori giacche da sci di questa stagione.

Scegliere la giacca da sci giusta significa essere consci delle condizioni che potresti incontrare in montagna. Alcune persone preferiscono una giacca da montagna versatile, altri invece preferiscono semplicemente una giacca che tenga a bada il freddo. La maggior parte delle persone acquista la giacca da sci 3 in 1, una combinazione di due giacche che possono essere unite per formarne una sola.

Abbiamo incluso ovviamente le giacche 3 in 1 tra le nostre scelte per le migliori giacche da sci. Per ulteriori informazioni puoi guardare la nostra tabella di confronto delle giacche da sci oppure i consigli per l’acquisto. E per completare il tuo abbigliamento, consulta il nostro articolo sui migliori pantaloni da sci.

La migliore giacca da sci in generale

1. Giacca Arcteryx sabre Ar

Ideale per: stazioni sciistiche e sci fuori pista
Isolamento: Sì (supporto sottile in flanella)
Tipo: Hardshell
Cosa ci piace: qualità costruttiva, vestibilità e prestazioni premium.
Cosa non ci piace: un pò pesante e ingombrante.

Arc’teryx domina il mercato delle giacche di fascia alta e la sua Sabre da uomo (e Sentinel da donna) è il guscio preferito di tutti i tempi per chi scia. Arc’teryx ha una vestibilità lunga e modernizzata. La sua costruzione premium in Gore-Tex a 3 strati è robusta e offre una protezione dalle alterazione delle condizioni atmosferiche, mentre il morbido rivestimento in flanella aggiunge calore e comfort. Arc’teryx utilizza cerniere facili da usare, un cappuccio altamente regolabile compatibile con il casco e cinque tasche dal design elegante.

La migliore giacca da sci in generale: Arcteryx Beta Ar

Tutto sommato, la Sabre AR è una giacca da sci straordinaria che è pronta a gestire qualsiasi cosa, dalle raffiche di vento alla neve articha.

Dove il Sabre AR viene meno è per l’uso prolungato nello sci fuori pista. Con circa 2 kg di peso, è abbastanza pesante e ingombrante da gettare in uno zaino e la sua fodera inibisce la traspirabilità anche con le cerniere aperte. Coloro che sono esclusivamente in tour probabilmente vorranno un pezzo più specifico per il sci fuori pista come Alpha SV di Arc’teryx o Skyward II di Outdoor Research, ma non troverai una migliore tuttofare del Sabre AR. Offre una combinazione imbattibile di comfort, qualità costruttiva, resistenza agli agenti atmosferici e mobilità. Vale la pena notare che Arc’teryx produce anche Sabre LT da uomo (e Sentinel LT da donna), che ha un taglio più lungo ma consente di risparmiare un pò di peso sostituendo il dorso di flanella con la morbida fodera C-Knit di Gore.

Miglior giacca da sci economica

2. Columbia Last Tracks

Categoria: Hardshell
Isolamento: Sì (100 g sintetico)
Ideale per: stazioni sciistiche
Cosa ci piace: un valore economico con molte caratteristiche positive.
Cosa non ci piace: materiali relativamente economici e nessuna cerniera lampo.

Le giacche da sci possono diventare molto costose, ma ciò non significa che devi spendere molto per ottenere un prodotto di qualità. Per gli sciatori che cercano una giacca calda e ben costruita, la Columbia Last Tracks è una buona scelta. Per soli € 189, ottieni una struttura impermeabile con isolamento sintetico da 80 grammi, una fodera riflettente Omni-Heat all’interno e funzioni utili come un cappuccio antipioggia rimovibile e una gonnellina antineve. Ci piace anche il design elegante e la relativa mancanza di volume, che non è sempre il caso dell’abbigliamento Columbia. Questo significa che le Last Tracks possono essere indossate sia per lo sci che per l’uso invernale quotidiano.

Miglior giacca da sci economica: Columbia Last Tracks

Quali sono i difetti dei Columbia Last Tracks? A differenza di una giacca shell o 3 in 1, l’isolamento integrato significa che non hai la possibilità di usarla per lo sci primaverile e le giornate più calde (e vale la pena notare che manca lo zip). Pur avendo la tecnologia di impermeabilizzazione di Columbia non è comunque all’altezza degli standard Gore-Tex, né dovresti aspettarti qualità o comfort come Patagonia o Arc’teryx. Detto questo, non possiamo fare a meno di amare The Last Tracks è tutto ciò di cui la maggior parte delle persone ha bisogno in una giacca per stazioni sciistiche.

Miglior giacca per stazioni sciistiche

3. Helly Hansen Alpha 3.0

Categoria: Hardshell
Isolamento: Sì (80 g PrimaLoft Black)
Ideale per: stazioni sciistiche
Cosa ci piace: tessuto esterno elasticizzato e ottimo design isolante.
Cosa non ci piace: si riscalda per un uso attivo.

L’Alpha 3.0 di Helly Hansen ha tutte le caratteristiche che cerchiamo in un design pronto per le stazioni da sci. Innanzitutto, ottieni un livello moderato di isolamento PrimaLoft Black per una bella spinta di calore rispetto a un hardshell non isolato. È sufficiente per affrontare una fredda corsa in seggiovia, ma non ti travolgerà durante la discesa. In secondo luogo, la giacca offre un movimento davvero piacevole con tessuto elasticizzato a quattro vie e una vestibilità atletica senza fronzoli.

Piuttosto che incorporare alcuni pannelli elasticizzati nella giacca, Helly Hansen utilizza il design a quattro vie dappertutto.

Miglior giacca per stazioni sciistiche: Helly Hansen Alpha 3.0

Infine, amiamo lo stile dell’Alpha 3.0, che è super pulito, funziona bene per persone di tutte le età ed è offerto in una varietà di colori.

Quali sono gli svantaggi dell’Alpha 3.0? La traspirabilità è uno dei problemi a causa della costruzione a 2 strati e dell’enfasi sul calore. Ci piace il prezzo della giacca visto quello che ottieni. Ad esempio, è meno della metà del costo dell’Arc’teryx Macai qui di seguito, ma non ha grosse differenze a confronto.

Potrebbe interessarti anche: Migliori stivali da neve uomo donna

Miglior giacca per sci fuori pista

4. Outdoor Research Skyward II

Categoria: softshell
Isolamento: no
Ideale per: sci pista e fuori pista
Cosa ci piace: AscentShell mantiene le sue promesse; cerniera laterale / zip per la ventilazione ascellare
Cosa non ci piace: mancano le cerniere lampo; un paio di problemi di adattamento e finitura.

Le tecnologie tessili interne spesso non sono all’altezza, ma AscentShell di Outdoor Research è un’eccezione. Il tessuto si allunga come un softshell ed è estremamente traspirante con un design completamente impermeabile. Per finire, lo Skyward ha molte tasche interne ed esterne insieme a un’esclusiva cerniera laterale che si apre dall’orlo al bicipite. Non troverai una giacca migliore per rimanere comodi in montagna.

Miglior giacca per sci fuori pista: Outdoor Research Skyward II

La qualità è leggermente inferiore rispetto ai dettagli che ottieni dall’Arc’teryx Sabre sopra e dal Patagonia PowSlayer sotto.

Non delude nemmeno in caso di vento forte e neve pesante. Tutto sommato, la traspirabilità dello Skyward, le massicce prese d’aria laterali e il set di funzionalità la rendono un eccellente giacca da sci all-in-one per per lo sci sulla pista e fuori pista.

La migliore giacca da sci 3 in 1

5. The North Face ThermoBall Triclimate

Categoria: 3 in 1
Isolamento: Sì
Ideale per: sci pista
Cosa ci piace: versatilità 3 in 1 e isolamento
Cosa non ci piace: pesante e ingombrante.

Per coloro che cercano di risparmiare, passare a una giacca da sci 3 in 1 può essere una buona opzione. Con un unico acquisto, ottieni sia un guscio impermeabile che uno strato intermedio isolante che può essere chiuso con cerniera nelle giornate fredde o lasciato a casa in condizioni primaverili (puoi persino indossare la giacca isolante da sola). La giacca ha una buona vestibilità, offre un discreto spazio esterno e include cerniere resistenti all’acqua. .

Se sei impostato sul design 3-in-1, The North Face ThermoBall Triclimate è la nostra opzione preferita sul mercato. Le cerniere e il peso extra forniti con questo tipo di strato esterno non li rendono così comodi e offrono meno libertà di movimento.

La migliore giacca da sci 3 in 1: The North Face ThermoBall Triclimate

Le giacche 3 in 1 sono più inclini ai spifferi e lo strato intermedio connesso limita l’accesso alle tasche interne. Detto questo, The North Face ThermoBall Triclimate offre due giacche ben costruite con relativamente pochi compromessi.

6. Marmot Spire

Categoria: Hardshell
Isolamento: no
Ideale per: pista e fuori pista
Cosa ci piace: ottimo prezzo a 3 strati di qualità.
Cosa non ci piace: comfort e protezione non sono all’altezza di Sabre AR.

Marmot ha una copertura impermeabile, bilanciando costantemente qualità e valore. La loro linea da sci non è la più ampia, probabilmente le giacche antipioggia sono il loro punto più forte. Questa giacca ha una costruzione Gore-Tex con un ampio cappuccio regolabile. Inoltre, la recente spinta alla sostenibilità da parte di Marmot significa che il guscio utilizza poliestere riciclato e ha un rivestimento DWR privo di PFC.

Con questo ottimo prezzo vengono alcuni aspetti negativi.

Marmot Spire

Con questo ottimo prezzo vengono alcuni aspetti negativi. Per prima cosa, la Spire pesa all’incirca quanto la Sabre AR di Arc’teryx ma non include la fodera in flanella morbida e confortevole, inoltre ti perdi una cerniera principale resistente all’acqua (la cerniera è protetta da un lembo in tessuto, tuttavia) . In condizioni di pioggia e turbolenze, la costruzione leggermente più economica della Marmot non regge. Ma questi svantaggi fanno poco per smorzare il nostro entusiasmo per questa eccellente giacca. Lo Spire rappresenta un ottimo investimento a lungo termine.

7. Mammut Stoney

Categoria: soft shell
Isolamento: no
Ideale per: pista e fuori pista
Cosa ci piace: elastico, comodo e ricco di funzionalità.
Cosa non ci piace: il prezzo è leggermente alto.

Stoney di Mammut fa un buon lavoro mescolando le esigenze di chi va sulla pista e fuori pista. Impermeabilizzazione completa, nastratura delle cuciture e cappuccio altamente regolabile e rimovibile. Comfort a 360 gradi grazie a una costruzione in poliestere / poliammide morbida e leggermente elastica.

Ciò che spinge Stoney leggermente in basso nella nostra classifica è il suo prezzo alto.

Mammut Stoney

Lo Stoney utilizza una costruzione impermeabile interna e non può eguagliare le prestazioni a prova di bomba di un interno Gore-Tex (il vantaggio è una discreta traspirabilità). È vero che ottieni un piccolo aggiornamento in termini di vestibilità e un’extra come le ghette per le mani, ma ci sembra un pò cara rispetto al resto del mercato.

8. Columbia Bugaboo

Categoria: 3 in 1
Isolamento: Sì (pile)
Ideale per: pista
Cosa ci piace: molto conveniente
Cosa non ci piace: costruzione economica e vestibilità generica.

I compiti essenziali di una giacca per la pista sono di tenerti al caldo, protetto dall’umidità e dal vento e avere abbastanza tasche. La risposta di Columbia a queste esigenze è il Bugaboo, una giacca da sci 3 in 1 a un prezzo molto interessante. L’interno argentato è un pò troppo da discoteca per noi quando lo togliamo, ma sembra che funzioni irradiando il calore del corpo.

Abbiamo riscontrato che il guscio e la fodera di base hanno un impatto sulla traspirabilità e la mancanza di cerniere significa che il Bugaboo può surriscaldarsi.

Columbia Bugaboo

Inoltre, la qualità del materiale non è all’altezza rispetto alle opzioni di sopra ed è più incline a bagnarsi.

9. Dynafit Beast Hybrid

Categoria: Softshell
Isolamento: no
Ideale per: fuori pista
Cosa ci piace: Eccellente traspirabilità ed elasticità.
Cosa non ci piace: non completamente impermeabile.

Per lunghi tour in condizioni miti, una giacca softshell è più traspirante e ha una migliore elasticità rispetto a una tradizionale hardshell. Beast Hybrid di Dynafit si distingue in questa categoria grazie alla sua costruzione leggera, al taglio e alla vestibilità orientata alle prestazioni e al prezzo competitivo. L ‘”ibrido” nel nome si riferisce ai suoi due tipi di tessuto: un guscio impermeabile a 3 strati copre la parte superiore del corpo, le braccia e il cappuccio, mentre un softshell a 2 strati più sottile intorno alla parte inferiore del corpo fa uscire l’aria calda e fornisce un’eccellente mobilità.

Dynafit Beast Hybrid

Lo svantaggio della struttura ibrida di Dynafit è che la sua protezione è insufficiente in condizioni di bagnato, anche stare seduti su una seggiovia può lasciarti vulnerabile all’umidità che filtra attraverso. Alla fine, la Dynafit non può eguagliare la versatilità della Outdoor Research Skyward II, più economica e completamente impermeabile, ma la sua combinazione di peso e mobilità la rende un’ottima giacca.

GIACCA

CATEGORIA

ISOLAMENTO

UTILIZZO

RECCO

VEDI

Arcteryx Sabre

Hardshell

No

Pista/Fuori pista

Si

Columbia Last Tracks

Hardshell

Si

Pista

No

Helly Hansen Alpha 3.0

Hardshell

Si

Pista

Si

Outdoor Research

Hard/softshell

Si

Pista/Fuori pista

No

The North Face ThermoBall

3-in-1

Si

Pista

No

Marmot Spire

Hardshell

No

Pista/Fuori pista

No

Mammut Stoney

Hardshell

No

Pista/Fuori pista

No

Columbia Bugaboo

3-in-1

Si

Pista

No

Dynafit Beast Hybrid

Softshell

No

Fuori pista

No

Consigli per l’acquisto della giacca da sci

Consigli per l'acquisto della giacca da sci

Categorie di giacche da sci

Le giacche da sci possono essere suddivise in tre categorie principali: hardshell, softshell e 3-in-1. La scelta del modello giusto dipende in gran parte dal tuo stile di sci e dal tuo budget. Il più popolare è l’hardshell, che comprende tutti, dagli sciatori occasionali sulle piste agli avventurieri del fuori pista in ambienti difficili e umidi. I softshell sono un’opzione di giacca da sci in crescita e sono preferiti per lo sci alpinismo in condizioni miti, mentre le giacche 3 in 1 sono una buona scelta per chi cercadi risparmiare. Di seguito è riportata una rapida ripartizione e per un’immersione più approfondita.

Hardshells

Le giacche hardshell offrono una protezione robusta dal vento e dall’umidità e possono essere adatte sia per la pista che per il fuori pista. Realizzate con più strati di tessuto laminati insieme, sono tipicamente impermeabili, antivento e almeno modestamente traspiranti. L’isolamento è opzionale: alcune sono un vero “guscio” non isolato mentre altre hanno imbottitura sintetica o in piuma.

Softshell

Per attività impegnative come lo sci alpinismo o le escursioni, un softshell non impermeabile offre comfort e traspirabilità senza pari. Con la crescente popolarità dello sci di fondo, cresce anche la prevalenza di queste giacche elastiche. Il loro principale svantaggio è la resistenza agli agenti atmosferici o la loro completa mancanza.

Per il giusto utilizzo e le giuste condizioni, tuttavia, un softshell può essere un fantastico pezzo da performance.

Giacche da sci 3 in 1

Con un guscio esterno e uno strato isolante con cerniera, le giacche 3 in 1 sono estremamente apprezzate dagli sciatori occasionali. Il vantaggio principale è il risparmio: puoi acquistare una giacca 3 in 1 decente per circa € 180- € 300 e viene fornita con uno strato intermedio (il più delle volte una giacca in pile o sintetica che puoi indossare per l’uso quotidiano).

Le giacche 3 in 1 aggiungono volume e peso con le cerniere extra e l’integrazione del guscio e dello strato isolante che influisce negativamente sulla libertà di movimento. Queste giacche sono ben lontane dalle migliori prestazioni nelle attività: si consiglia di optare per una con cerniera lampo. Tuttavia, per chi cerca il risparmio oppure lo sciatore che arriva in montagna solo un paio di volte all’anno, un 3-in-1 come la Columbia Bugaboo è perfetta.

Isolamento giacca da sci

Il comfort è molto importante per i frequentatori delle piste da sci, specialmente perche devono tollerare le corse in seggiovia a freddo, perciò molti sciatori scelgono una giacca con l’isolamento. Le scelte in materia di isolamento si riducono al classico dibattito: piumino vs sintetico. La piuma ti darà un calore eccellente con meno ingombro, mentre il sintetico è più economico e supererà le prestazioni della piuma se l’umidità non si fa strada attraverso la fodera. Le giacche isolanti aggiungono un pò di volume e influenzano il movimento, ma per coloro che sciano in climi rigidi su pista, una giacca isolante è un modo perfetto di andare.

Se scegli un modello isolato, è una buona idea considerare attentamente quanto calore hai bisogno. Un’opzione spessa e sostanziale può essere Arc’teryx, ma si surriscalda nelle giornate di clima mite il che può essere un problema per l’utilizzo durante l’intera stagione. Pertanto, in genere preferiamo livelli moderati di calore, come Alpha 3.0 di Helly Hansen (80 g).

Utilizzi: Sulla pista o fuori pista

Le giacche da sci spesso sono progettate per uno scopo specifico: pists, fuori pista o un mix di questi due, quindi abbiamo incluso nel elenco e nella tabella queste specifiche. La stragrande maggioranza degli sciatori trascorre almeno un pò di tempo su una seggiovia e, di conseguenza, la maggior parte delle giacche da sci soddisfa questa esigenza. In particolare, il guscio di una giacca per la pista dovrebbe essere resistente, almeno parzialmente antivento e impermeabile, e avere una vestibilità che possa ospitare strati di varie dimensioni sotto. L’isolamento è facoltativo per i frequentatori della pista, ma una cattiva idea per chi scia fuori pista.

Per lo sci alpinismo o le escursioni, un design leggero e non isolato ha la precedenza. I tessuti devono essere sottili e comprimibili. Le giacche softshell guidano il gruppo in termini di traspirabilità, ma per vento forte e umidità, un hardshell è ancora il migliore. La vestibilità varia in base all’uso: i gusci freeride sono spaziosi mentre i design specifici si adattano più comodamente, ma tutti i design si concentrano sulla mobilità. Le giacche per la pista e per il fuori hanno un’ottima vestibilità, una durata abbastanza buona e tessuti impermeabili al vento e all’umidità ma comunque ventilati.

Strati della giacca: 2 contro 3

Una specifica in cui ti imbatterai costantemente mentre cerchi giacche da sci è il numero di strati di tessuto (2 o 3). Questa caratteristica punta alla costruzione: una giacca a 2 strati lega il tessuto della faccia esterna a una membrana impermeabile e ha una fodera separata lungo l’interno (spesso a rete), mentre una costruzione a 3 strati collega tutti e tre i pezzi insieme. In termini di costo, i modelli a 2 strati si trovano spesso su opzioni di fascia media come la giacca Last Tracks di Columbia. Passare a un design a 3 strati di solito significa un prezzo più alto.

Impermeabilizzazione

Le giacche da sci sono impermeabili praticamente su tutta la linea, dalle opzioni economiche fino ai gusci Gore-Tex (o equivalenti) di fascia alta. Un’eccezione è un softshell specifico per il fuori pista, che può avere cuciture nastrate ma alla fine lascerà entrare l’umidità. Tra le opzioni impermeabili, spendere di più ti darà una maggiore durata, in media, poiché i tessuti più avanzati non sono così inclini a deteriorarsi.

Traspirabilità

La traspirabilità è una priorità assoluta per l’uso in backcountry e un po ‘meno per lo sci alpino. Mentre puoi assolutamente lavorare su un sudore mentre scendi dalla montagna, è facile scaricare il calore con le cerniere dei pozzi o far cadere uno strato nel resort a mezzogiorno (a condizione che tu possa sopravvivere alla corsa in seggiovia senza un po ‘di isolamento). Le giacche shell sono le migliori per respirare e quelle con una costruzione in tessuto a 3 strati di fascia alta (Gore-Tex, eVent, Polartec NeoShell o OR’s AscentShell) sono testa e spalle sopra il resto per le giacche impermeabili. In generale, più spendi per un hardshell non isolato, migliore è la traspirabilità. I softshell sono i leader a tutto tondo perché

Durabilità

Lo sci è uno sport duro: dalla salita e discesa all’escursionismo e alla guida fuori pista, può danneggiare la tua attrezzatura come anche la giacca, quindi i strati esterni della giacca devono essere abbastanza resistenti. In base a quanto spendi vera anche definito lo spessore del tessuto.

Vale la pena notare che alcuni produttori non forniscono questa specifica, ma puoi fare alcune ipotesi sicure in base all’uso previsto: aspettati una costruzione più spessa per la pista e un pò meno per l’escursionismo.

Peso

Per gli sciatori su pista, il peso della giacca da sci di solito non è un fattore decisivo. In media, le giacche più economiche compensano i loro tessuti meno avanzati usandone di più, creando gusci più spessi e resistenti. È quando inizi a fare escursioni o ad avventurarti fuori pista che una giacca più leggera inizia ad avere molto senso. Questo è quando un hardshell dedicato e leggero può essere la scelta ideale per le tue esigenze di sci. I pezzi forti di questa categoria includono Arc’teryx Alpha e Dynafit Beast Hybrid.

Caratteristiche comuni

Cappuccio

La maggior parte dei cappucci non vengono utilizzata per lo sci alpino: un casco è un’ottima fonte di protezione e isolamento. Invece per quei giorni particolarmente brutti, assicurati di avere un cappuccio abbastanza grande da adattarsi al tuo casco da sci. E non solo deve essere abbastanza grande, ma deve anche essere ampiamente regolabile per potersi stringere e rimanere inchiodato alla testa durante la discesa. Un cappuccio regolato correttamente non dovrebbe interferire con il campo visivo. Infine, se desideri utilizzare la tua giacca da sci per qualcosa di più del semplice sci, assicurati che il cappuccio si adatti bene quando non indossi il casco.

Tasche

A meno che tu non scii con uno zaino, una giacca con più tasche è importante. La maggior parte delle giacche da sci include un paio di tasche per le mani e almeno una tasca napoleone con cerniera sul petto. Quella tasca napoleone è perfetta per riporre oggetti più piccoli come un telefono, una fotocamera o un portafoglio. Per proteggere i tuoi dispositivi elettronici, è bene avere la tasca sul petto lungo l’interno della giacca in modo che il calore del tuo corpo possa aiutare a mantenere tutto funzionante correttamente (la tasca sul petto dell’Helly Hansen Alpha 3.0 è appositamente isolata per proteggere i tuoi dispositivi elettronici).

Ghetta antineve

È quasi impossibile tenere la neve completamente fuori se si scia su una neve molto alta o si fa una caduta seria, ma una ghetta da neve è comunque un’ottima linea di difesa. Il tessuto elasticizzato è incorporato nella fodera della giacca intorno alla vita e in genere si fissa ai pantaloni da sci vicino alla cerniera anteriore.

Cerniera Pit

Lo sci può essere un’attività faticosa e le giacche impermeabili, indipendentemente dalla qualità, limitano il flusso d’aria. Trova le cerniere pit, aprile completamente, estendendole approssimativamente dalla metà della gabbia toracica fino a appena sopra il gomito, e vedrai che verrà rilasciata molta aria calda.

Recco

Nella tabella sopra, abbiamo elencato le giacche dotate di riflettore RECCO. Per gli sciatori che escono dai limiti o vanno in zone soggette a valanghe. Il riflettore RECCO integrato nella giacca o nei pantaloni da sci è un’unità passiva che non richiede batterie e può essere rilevato dal soccorso. Mancano della tecnologia e del segnale forte ma forniscono un’ulteriore misura di sicurezza se ti avventuri fuori pista.

Vestibilità giacca da sci

In generale, la vestibilità di una giacca da sci corrisponderà alla sua destinazione d’uso. I modelli per le piste hanno una forma spaziosa per consentirti di indossare una gamma di strati di base e intermedi sotto. Inoltre, hanno un taglio lungo con un orlo a goccia per fornire protezione dai sedili congelati della seggiovia. Dall’altra parte per il fuori pista abbiamo giacche come Outdoor Research Skyward II, che riducono al minimo l’ingombro e migliorano il movimento.

Strati sotto la giacca da sci

A meno che tu non scelga una giacca 3 in 1, probabilmente vorrai uno strato intermedio dedicato per lo sci. La quantità di isolamento può variare notevolmente, da un pile sottile a un piumino. Le giacche in pile sono la scelta classica per lo sci e possono essere abbastanza calde e leggere, ma i modelli medi e pesanti sono ingombranti. Il piumino è l’opzione costosa ma non ha eguali in termini di calore (assicurati solo di tenerlo asciutto perché smetterà di isolare quando è bagnato).

Torna su

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi i nostri migliori consigli e gli ultimi post del blog direttamente nella tua casella di posta!